• 17 Ottobre 2023
  • News
  • by Emanuela Crosetti
  • 265
  • 0

Il Giro d’Italia 2024 diventa importante occasione di promozione e valorizzazione del patrimonio termale italiano

Il percorso della prossima edizione del Giro d’Italia, celebre corsa ciclistica a tappe presentata a Trento, venerdì 13 ottobre, in occasione del Festival dello Sport, ha riservato una gradita sorpresa a tutti coloro che hanno a cuore la salute del sistema termale italiano. Fra le località sede di tappa, infatti, ci sono una partenza e un arrivo che toccheranno altrettante località termali.

La prima ad essere interessata dal passaggio del Giro d’Italia, il 7 maggio, sarà Acqui Terme, da dove prenderà il via la quarta tappa, Acqui Terme-Andora, che condurrà i corridori nella vicina Liguria. Ad Acqui Terme la notizia del passaggio del Giro è stata accolta con grande calore: la corsa non toccava la città dal lontano 1955, e rappresenta un potenziale, importante volano per dare lustro all’immagine della città, sperando magari che per il prossimo mese di maggio le Terme, che da alcuni anni vivono un periodo travagliato, possano offrire un servizio all’altezza del grande evento.

Venerdì 10 maggio invece, la Corsa Rosa avrà una città termale come punto d’arrivo: si tratta di Rapolano Terme, in provincia di Siena. La località termale è stata scelta come traguardo di un tracciato che partirà da Viareggio, toccherà anche San Giuliano Terme, e poi attraverso Pontedera, Ponsacco e Volterra, porterà i corridori a cimentarsi sui selettivi sterrati delle “strade bianche” toscane. Potrebbe essere una frazione capace di lasciare il segno sulla classifica generale, ma indipendentemente da questo, sarà sicuramente una grande vetrina per questo suggestivo borgo toscano, apprezzato per le sue fonti di acqua calda, che sgorgano a 39 gradi e sono particolarmente indicate per la cura dell’apparato respiratorio e delle malattie della pelle fin dal XIII secolo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *